Tra uno spritz e una sigaretta, un pensiero per lui

lunedì, aprile 16, 2007


Difficilmente rinuncio a qualcosa... ora mi trovo a dover rinunciare a te... Non so esattamente quel che perdo, so che non ci sono alternative... Sto rinunciando a una possibilità, alla mia chance di ricominciare... 

Sono indiscutibilmente attratta da te, ma non reggo lo stress emotivo di doverti affrontare. Non so tentare un approccio senza che mi sembri tutto ridicolo, inadeguato o quanto meno imbarazzante. 

Riusciamo a comunicare ormai solamente con l'aiuto di disinibitori sorsi d'alcool... Non che avessimo mai sostenuto lunghe conversazioni, eccezione fata per due uniche lunghe notti di parole... Negli ultimi tempi però riuscivamo a parlare del niente sorseggiando una bibita senza doverci insultare. 

Trovo piuttosto strana tutta questa storia. Inverosimile. Eppure siamo qui. Ci si detesta profondamente per tantissimo tempo e poi un momento ci fa trovare vicini e scatta qualcosa, quel misto di desiderio e fantasia capace di aprire gli occhi e mostrare qualcosa che non si era mai notato, un dettaglio, un modo di fare o semplicemente una tonalità vocale differente... E ci si trova lì l'uno nelle braccia dell'altra, un po' ridendo e un po' sconvolti, senza riuscire a domare un'insensata attrazione fisica e una morbosa curiosità verso l'altra. 

Son scombussolata e immagino sia lo stesso per te. Anzi forse peggio per te. Tu mi odiavi. Per te ero la peggiore, la zoccola, la stronza, la cattiva, la bugiarda. E hai passato una vita a ripetermelo, a denigrarmi, a insultarmi, a farmi la guerra... Adesso per te deve essere difficile comprendere un tale scherzo del destino.. T'immagino solo in certe notti a chiederti come sia possibile, come sia potuto accadere, cosa sia cambiato in te, in me.. E io stessa mi pongo le medesime domande... Posso ragionarci sopra intere notti senza arrivare a capo di nulla... Un'attrazione fatale e inspiegabile...

Questa cosa che ci respinge e ci lega può essere un abbaglio e nulla più come qualcosa di più profondo.. Ecco: io rinuncio a sapere quale di queste due cose siamo noi. Ci rinuncio con un certo rammarico, perché ci sono in te elementi che ho sempre cercato... perché vorrei provare a lasciarmi andare a questa attrazione... perché sogno una storia... perché c'è della consapevolezza di qualcosa di più.. 
Rinunciamo. Ok. Se non altro per il vero motivo che ci separa che noi ben sappiamo ma non osiamo pronunciare. 

Potrebbe interessarti anche

0 commenti

Like us on Facebook

Subscribe