Dietro lo Spessore delle Nuvole

mercoledì, marzo 26, 2008


Sono mesi che non parliamo, che non ci vediamo, che non abbiamo un contatto. Ed è da un sacco di tempo che voglio scriverti e lo so che preferisci che le persone ti parlino direttamente, ma sai che io a parlare sono un disastro e che preferisco scrivere per mettere in ordine le parole e i concetti.

Io ti ho cercata in questi mesi. Io sola ti ho cercata. Da parte tua nessun cenno, mail, sms o una chiamata.
Quando ti ho detto che era morto un mio amico, solo tu sapevi come mi sentivo dentro, cosa mi passava per la testa, perché sei tu l'unica a conoscermi nel profondo. Credevo che mi saresti stata vicina, e i tuoi messaggi in effetti son stati quelli che più mi han risollevata. Ma non credevo poi saresti sparita. Tutto crollava e io avevo bisogno di un tuo abbraccio, lo sai che piango solo con te.
Ti ho telefonato un paio di settimane fa, c'era l'avviso di chiamata. Ho riagganciato credendo mi avresti richiamata tu una volta terminata la tua conversazione. E invece no.

Non so cosa ti ha allontanata da me. Non so se ti sei impuntata a non cercarmi per punirmi di quando la mia fiducia in te è vacillata un attimo, o se ti ho proprio fatto qualcosa che non puoi capire o perdonare.
Ho cercato di archiviare la questione sorta tra noi un settimana dopo il fatto, nonostante tutti i dubbi idioti o meno che avessi e la ferita che aveva lasciato in me quell'evento. Io so che non mi importa niente di quel che è successo. So che a prescindere da quell'episodio, tu sei la mia migliore amica. 
So che tu sei importante per me. So che mi manchi. E tu non hai idea di quanto. So che nessuno potrà mai prendere il tuo posto nel mio cuore.

Non ci sarà mai nella mia vita un'amica oltre a te in grado di sostenere una media di telefonate e sms al giorno come era la nostra. Sempre in contatto per raccontarci pensieri, cazzate, ogni cosa divertente che si sentiva, una nuova canzone da scaricare, weekend da organizzare, dare il buongiorno e la buonanotte o anche solo per sentire una voce amica. 
Ora il mio telefono non suona più come prima.
Per certo non ho vinto la nostra sfida contro la Wind: non riesco davvero a finire i 4000 sms gratis al mese. Con te ce l'avrei fatta.

Non ci sarà mai nella mia vita un'altra amica oltre a te a cui poter raccontare ogni mio assurdo dubbio senza che mi creda una psicopatica. Con te potevo essere davvero me stessa, riuscivo a confidarti ogni cosa, smascheravi ogni bugia che dicevo a me stessa solo guardandomi in faccia.
Parlavamo di tutto. Dalle vere tragedie famigliari, personali, sentimentali alle più idiote cazzate del pianeta. Con te non c'eran mai tabù, né segreti. C'era una vera libertà di espressione tra noi. Tu capivi me, e io te. Anche senza parlare. 
Non ci sarà mai nella mia vita un'altra oltre a te con cui saprò, o potrò, parlare di sesso, di fantasie erotiche scandalose, di notti indecenti, di posizioni da mal di schiena, di luoghi improbabili e di dettagliati dettagli.

Non ci sarà mai nella mia vita qualcun'altra oltre a te in grado di ridere con me come facevo con te, nessuna che sappia realmente risollevarmi il morale quando tutto va storto o mi son alzata male.
Non ci sarà nessuna sbronza così divertente come lo erano con te. Non ci serviva niente per far scattare una festa, eccetto noi due. Nient'altro.
A volte bastava sparare lo stereo con Numb e cantare a squarciagola, farci delle foto in versione belve di satana, andare in giro a coglionare qualcuno solo per il gusto di farlo, andare in missione cuore infranto o andare in birreria a saltare sotto il palco come le invasate con certe tribute band.

Con nessun'altro potrà esserci la confidenza, il feeling e l'intesa che c'era tra noi.
Noi complici nel bene e nel male, sempre. Noi che lottavamo fianco a fianco l'una per l'altra. Noi che le vittorie di una erano gioia per l'altra e noi che le sconfitte di una era dolore per l'altra. Noi leali e fedeli, noi che ci stimiamo, noi inseparabili in pace e in guerra, noi indivisibili nel bene e nel male. Noi pronte a mettere tutto in discussione per l'altra. Noi pronte a correre in caso di emergenza.

So che tutto questo mi manca e che ti rivoglio nella mia vita. Lo sai che sono una dannata egoista: ho bisogno di te, delle tue parole, di piangere un po' con te, di avere di nuovo con me la mia migliore amica.

Ora io non so cosa fai, cosa ti succede, se stai meglio, se ti manco anch'io un poco, se questo silenzio finirà, se usciremo a prenderci una sbronza da qualche parte fino a mattina per riavvicinarci un po' e raccontarci questi mesi fuori dalla vita l'una dall'altra. 
Forse ora avrai gli occhi colmi di lacrime, perché lo so che sei una sentimentalona e spero di sentirti presto perché credo che dietro lo spessore delle nuvole ci sia il sole e che prima o poi tornerà a splendere.

Mi manchi. Ti voglio bene, lo sai.

Potrebbe interessarti anche

0 commenti

Like us on Facebook

Subscribe