Isola di Porto Santo: Cosa vedere e cosa fare

domenica, dicembre 18, 2016


Senza sapere nemmeno come è saltata tra le nostre opzioni di viaggio, l'isola di Porto Santo è un altro luogo in cui abbiamo lasciato un pezzetto di cuore. Ci sono viaggi che segnano le memorie, che ti fanno scattare qualcosa dentro per cui ti ritrovi a pensare: "e se ci trasferissimo qui?". 

Dopo avervi raccontato le mie impressioni a caldo sul recente viaggio a Porto Santo con marito e polpetta, vi lascio qualche dritta sulle cose più interessanti da vedere sull'isola e qualche informazione utile. 

PORTO SANTO: DOVE SI TROVA

Porto Santo è un'isola dell'arcipelago di Madeira, appartenente allo Stato del Portogallo. Si trova nell'Oceano Atlantico, davanti alle coste del Marocco. L'ora a Porto Santo è sempre 1 ora indietro rispetto all'Italia, anche con orario legale. 

 

PORTO SANTO: COME ARRIVARE

Porto Santo si raggiunge ogni settimana, tutto l'anno, il venerdì dall'Aeroporto di Milano Malpensa con volo NeosAir. Abbastanza distante per noi, per cui per non appesantire il viaggio della bambina abbiamo anticipato la partenza e abbiamo alloggiato a Milano la sera prima del volo. A posteriori confermo che è stata una scelta saggia, partire all'alba per raggiungere Milano Malpensa sarebbe stato forse troppo stressante per la bimba aggiungendoci il volo e il fuso. Esistono anche delle navette a disposizione da Bergamo, Brescia e Verona per l'Aeroporto.

Calheta

PORTO SANTO: CLIMA

Prima di partire ho cercato informazioni sul clima e sul meteo dell'isola. Non cambiano molto le temperature nel corso dell'anno: 18 - 27 gradi di giorno e 15 - 21 gradi di notte. Nei giorni di dicembre che abbiamo trascorso lì confermo che la temperatura era sempre tra i 18 e 21 gradi circa. Quello che forse modifica la percezione della temperatura è la forte presenza del vento. Il vento sulle isole è dato comune. Durante la settimana abbiamo affrontato le prime due giornate con molto vento e le altre con vento moderato o assente. Abbiamo quasi sempre indossato le maniche corte, nulla di impossibile. 

* Certo con i neonati è il caso di avere qualche accorgimento in più ovvero sempre il berrettino che copra le orecchie. Per non perdere le giornate più ventose noi ci siamo organizzati con il parapioggia, applicandolo al passeggino la piccola era al sicuro dal vento forte e noi non abbiamo dovuto rinunciare a visitare l'isola.

Fonte Da Areia

PORTO SANTO: COSA VEDERE

L'isola di Porto Santo è molto piccola. Con una mappa in mano sarete padroni del mondo. Una volta consultata la cartina ci siamo resi conto subito che visitare l'isola sarebbe stato piuttosto confortevole, certo con degli accorgimenti. 
La maggior parte dei luoghi segnalati come da vedere sono punti panoramici, da cui è possibile ammirare la costa e la città. Non pensate di arrivare a Porto Santo e trovarvi in una metropoli, ricca di musei, attività ed eventi. Porto Santo è uno splendido paradiso dove regnano il silenzio, la calma e la natura. Ciò non vuol dire che non ci sia nulla da vedere, anzi. 
  • Vila Baleira è la città principale dell'Isola di Porto Santo. Si tratta di un piccolo paese, molto tranquillo, che si può visitare in tutta serenità a piedi. Passeggiare per le vie del centro è un'attività che si può fare comodamente in autonomia. Si possono ammirare la chiesa di Nossa Senora de Piedade, Largo do Palourinho, il Palazzo del Comune e gli edifici che costeggiano le strade principali. 
  • In centro è presente il piccolo Museo dedicato a Cristoforo Colombo, che visse parte della sua vita qui. Si tratta di uno spazio contenuto, ma molto ricco di nozioni interessanti. (Sì, siamo riusciti ad entrare in un museo con una neonata). Il prezzo dell'ingresso è di soli 2 euro, quindi non ci sono scuse per rinunciarvi. 
  • Pico da Ana Ferreira è un sito geologico di grande impatto. A noi ha lasciato davvero un ricordo molto intenso. Arrivati sul sito si può ammirare serenamente le cosiddette Canne d'Organo, una disgiunzione prismatica composta di materiale magmatico. Il luogo offre inoltre un bel panorama sul noto campo da golf di Porto Santo
  • Mini Zoo Quinta Das Palmeiras è un suggestivo parco botanico che noi abbiamo raggiunto a piedi con una camminata interessante, ma piuttosto lunga. Il parco è una vera oasi verde in collina, composta di una ricca vegetazione e abitata da numerosi volatili provenienti da tutto il mondo. Alcuni in gabbia, ma con aperture che consentono loro di volare fuori, e altri liberi. 
  • Casa da Serra è una casa museo presso cui è possibile immergersi nella cultura locale dell'isola. Si trova in un luogo piuttosto isolato, ed è consigliabile quindi farsi accompagnare dalle guide locali. 
  • Museo Cardina è un altro museo, sito nella località di Camacha. All'interno del museo tanti reperti che raccontano la storia e la vita a Porto Santo, è un museo di tipo etnografico. Anche in questo caso è consigliato recarvisi con un gruppo organizzato, senza rischiate di trovare chiuso com'è successo a noi per due volte forse a causa della bassa stagione. 
  • Cappella della Madonna della Grazia.
Punti panoramici di interesse sull'Isola di Porto Santo - Madeira:

Ponta da Calheta
  • Portela è un sito panoramico che si raggiunge attraverso un viale di palme in cui si nota la presenza di suggestivi mulini a vento. Da qui si gode di una splendida vista sul porto e sulla città. 
  • Pico do Castelo è un altro luogo interessante per godere del panorama spettacolare che offre Porto Santo. Purtroppo quando ci siamo andati noi il tempo non era dei migliori, ma siamo riusciti a fare qualche scatto carino ugualmente. 
  • Pico do Facho è l'altra faccia dell'isola di Porto Santo. Immerso nel verde questo è il monte più alto del Paese (517 metri). Per arrivarci si attraversano le suggestive località di Serra de Fora e Serra de Dentro. 
  • Pico dal Flores è dove ho lasciato il cuore. E' una zona panoramica del lato occidentale dove scattare le più belle foto del panorama di Porto Santo, immersi nella vegetazione. 
  • Praia do Zimbralinho poco prima dell'indicazione per Pico Dal Flores c'è quella per questa località incredibile. La via non è proprio il massimo per il passeggino, meglio dotarsi di una fascia portabebè o di un marsupio. 
  • Fonte da Areia è una località suggestiva, dove una volta sgorgava l'acqua più pura impiegata anche ad uso medicinale. Qui si può ammirare l'erosione sulle rocce sabbiose, uno spettacolo naturale di grande impatto. 
  • Ponta da Calheta è raggiungibile semplicemente percorrendo la spiaggia verso ovest. La passeggiata è perfetta, la spiaggia è qualcosa di spettacolare, senza ingombri, lettini e ombrelloni se non in pochissimi punti di fronte agli hotel più importanti. La spiaggia è selvaggia, libera e si fonde con il verde, qualcosa di molto distante da ciò che siamo abituati a vedere in riviera adriatica per esempio. 

Potrebbe interessarti anche

0 commenti

Like us on Facebook

Subscribe